Il fuco

Il fuco è il maschio dell'ape, generalmente è di colore molto scuro e di dimensioni molto più grandi di quelle dell'operaia. Nasce da un uovo non fecondato deposto dalla regina in celle più grandi di quelle da operaia, da queste uova si svilupperanno esclusivamente maschi (partenogenesi arrenotoca) con numero di cromosomi dimezzato. Fino a qualche tempo fa si riteneva che fosse destinato soltanto ad accoppiarsi con la regina ed a "sbafare" il miele a tradimento, oggi alcuni studi hanno evidenziato che il fuco, oltre alla funzione riproduttiva, esplica anche una certa funzione nel mantenimento della temperatura dell'alveare nelle giornate fredde e nella ventilazione in quelle più calde. Recentissimi studi effettuati da ricercatori giapponesi smentiscono ulteriormente la convinzione che sia inetto alla propria nutrizione in quanto i fuchi sono stati sorpresi in attività su alcune fioriture. Il fuco nel periodo degli accoppiamenti, può muoversi indisturbato da un alveare all'altro ben tollerato dalle api guardiane ma viene ucciso o cacciato dall’alveare quando il raccolto di nettare diminuisce. I fuchi non sono dotati di pungiglione, il loro numero all'interno dell'alveare varia tra il migliaio circa della tarda primavera (periodo degli accoppiamenti) e l'assenza pressoché totale degli altri periodi dell'anno.